Lo schermo dell’arte Film Festival. Notti di mezza estate
V edizione

A cura di Leonardo Bigazzi.

Una rassegna di film sull’arte contemporanea e i suoi protagonisti.
Il programma di quest’anno è interamente dedicato agli artisti estranei al sistema globale dell’arte contemporanea, i cosiddetti “outsiders”. Spesso caratterizzati da elementi ossessivi, ma anche estremamente poetici, questi artisti vengono quasi sempre scoperti per caso, a volte solo dopo la loro morte. In un mondo dove ormai troppo spesso sono le speculazioni e gli interessi economici a definire i canoni artistici di riferimento, nelle opere di questi artisti si ritrovano ancora le urgenze più autentiche e profonde del fare arte.

Il progetto è realizzato nell’ambito dell’Estate Fiorentina 2014 organizzata dal Comune di Firenze, in collaborazione con FST-Mediateca Toscana Film Commission.

NOTTI DI MEZZA ESTATE
Cinema all’aperto in Piazza SS. Annunziata, Firenze
7, 14, 21 e 28 luglio 2014

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
Tutti i film sono sottotitolati in italiano.

 7 Luglio, ore 21.30
Finding Vivian Maier
di John Maloof e Charlie Siskel, Stati Uniti, 2013, 84’
Con la sua Rolleiflex sempre appesa al collo, Vivian Maier ha realizzato nella sua vita migliaia di scatti fotografici, tra cui numerosi ritratti e autoritratti. Eppure, fino a quando John Maloof non ha acquistato a un’asta di Chicago i suoi vecchi negativi, di lei si sapeva soltanto che aveva lavorato come tata per alcune famiglie della città. Il documentario indaga la vicenda di questa fotografa, ripercorrendo la clamorosa scoperta che ha portato al riconoscimento postumo della sua opera.

Lunedì 14 Luglio, ore 21.30
Turning the Art World Inside Out
di Jack Cocker, Regno Unito, 2013, 70’
Partendo dalla Biennale di Venezia curata nel 2013 da Massimiliano Gioni, il documentario ricostruisce la storia della cosiddetta “outsider art”. Nel tentativo di definire la pluralità di esperienze che si nascondono sotto quest’unica etichetta, il regista ha varcato le soglie di centri di produzione, gallerie e studi privati, incontrando gli affascinanti protagonisti di questo universo creativo che appare sempre più integrato al sistema ufficiale dell’arte.

Lunedì 21 Luglio, ore 21.30
Worldstar 
di Nataša von Kopp, Germania/Repubblica Ceca, 2007, 76’
Introduzione di Guido Costa, gallerista italiano di Miroslav Tichy
Miroslav Tichy non si è mai curato delle cose del mondo e neppure del successo internazionale tardivamente ottenuto dalle sue fotografie. Inviso a molti per la stravaganza caratteriale e nell’aspetto, più volte recluso perché considerato ribelle sotto il regime comunista, Nataša von Kopp lo ritrae ormai anziano nella sua abitazione a Kyjov, dove la solitudine della sua esistenza solo di rado viene interrotta dalle visite di pochi amici e di qualche tenace curatore o gallerista.

Lunedì 28 Luglio, ore 21.30
Marwencol
di Jeff Malmberg, Stati Uniti, 2010, 83′
Marwencol è il nome del villaggio ambientato nell’Europa della Seconda Guerra Mondiale che Mark Hogancamp ha creato nel giardino della sua abitazione, per superare i traumi psicofisici causatigli dall’aggressione di una banda di balordi. Gulliveriano artefice delle avventure di questo piccolo mondo, Hogancamp ne è anche lo straordinario fotoreporter. Così, quando le sue fotografie vengono esposte in una galleria newyorkese, l’autoterapia di Mark si trova improvvisamente a essere considerata arte.