Intervallo
di ZimmerFrei, Italia 2013, 14 '
FOTOGRAFIA: Fabrizio La Palombara   SUONO: Massimo Carozzi
MONTAGGIO: Anna de Manincor   PRODUZIONE: careof, Sky Italia

Schermo dell'Arte - Archivio Film
Presentato allo Schermo dell’arte Film Festival 2015
In collabrazione con Careof e Sky Italia

Partendo dalla vecchia immagine della RAI con il celebre monoscopio, ZimmerFrei costruisce nove brevi ‘intervalli’ girati nella sede della rete televisiva Sky, tra i quali i backstage di alcuni celebri set, la pausa degli addetti ai lavori, le torri di archiviazione dati. Questi nove minuti di pausa effettivamente trasmessi sono stati intesi come intervalli del palinsesto della rete televisiva e sono momenti imprevisti che segnano un cambio di passo, una sospensione nel flusso dei programmi e delle informazioni. Sono evocazioni e immaginazioni libere, brevi fughe dall’altro lato dello schermo. Ogni intervallo, dedicato ad uno spazio diverso, è caratterizzato da una composizione sonora realizzata in situ da un insieme di registrazioni d’ambiente, musica e suoni elettroacustici che contribuiscono a creare una sinfonia postmoderna. 

ZimmerFrei 
Nato nel 1999 dalla collaborazione fra Anna Rispoli, Anna de Manincor e Massimo Carozzi, ZimmerFrei ha sede a Bologna e Bruxelles. Lavora fra il territorio delle arti visive e della performance, spaziando dalla musica al cinema, dalla videoarte al cinema documentario, dalla fotografia ai workshop e ai progetti di arte pubblica. Tra le mostre personali ricordiamo: Continuo, Museum Beelden aan Zee, L’Aja (2015); ZimmerFrei, Gotham Prize, Italian Cultural Institute, New York (2014); Panorama, AuditoriumArte, Auditorium Parco della Musica, Roma (2012). Tra le mostre collettive: Glitch Interferenze fra Arte e Cinema, PAC, Milano (2014) e Post-Classici, Fori Imperiali, Roma (2013). 

[chiudi scheda]