Preferisco lo stupore
di Andrea Barzini, Italia 2015, 10 '
CAMERA : Riccardo Contrino  MUSICA: Luca Cresta, Claudio Pacini 
FOTOGRAFIA: Riccardo Contrino  PRODUTTORE: Andrea Barzini 
MONTAGGIO: Simone Lungo  PRODUZIONE: Feelfilm 

Schermo dell'Arte - Archivio Film
Presentato allo Schermo dell’arte Film Festival 2015

Un incontro fortuito e inaspettato, quasi una rivelazione, è l’occasione per l’inizio del percorso creativo di Silvio Pasquarelli e Andrea Barzini, scultore l’uno filmmaker l’altro, che li porterà verso esiti inaspettati. Nato come documentario del lavoro per l’esposizione di Pasquarelli alla galleria Andrè di Roma nel giugno del 2015, i due artisti scoprono con stupore che durante la loro collaborazione il lavoro prende una piega diversa dall’idea iniziale, modificandosi nel suo farsi in un’opera cinematografica a sé stante. Partendo dal ritrovamento di un flacone di candeggina in un parco pubblico, i due operano su di esso una vera e propria trasformazione: l’opera prende così forma attraverso un gioco di continui assemblaggi e metamorfosi attraverso un originale riciclaggio di oggetti abbandonati tanto da restituire loro una nuova vita. Spunto di riflessione sul rapporto tra la figura umana e l’oggetto inanimato, in un percorso che include riferimenti classici e onirici, il film racconta, tra ironico e surreale, il processo della genesi dell’opera. 

Andrea Barzini 
Artista, scrittore e regista, vive e lavora a Roma. Noto per il suo film Italia-Germania 4-3, icona del cinema indipendente italiano, ha diretto popolari serie TV e documentari per i quali ha ottenuto numerosi premi. Come artista figurativo, attività intrapresa recentemente, ha esposto in numerose mostre, principalmente nella città di Roma. 

[chiudi scheda]