Les vies possibles de Christian Boltanski
di Heinz Peter Schwerfel, Germania 2009, 52'
SCRITTO E DIRETTO DA: Heinz Peter Schwerfel   PRODUTTORE: Anne Schuchman
FOTOGRAFIA: Marcel Neumann   PRODUZIONE: ARTCORE, SCHUCH Conseils, Productions Anne Schuchman, ARTE France Unité de programmes Culture et Spectacles, Gabrielle Babin Guggenheim
ASSISTENTE ALLE RIPRESE, SUONO:
Heinrich Harndt
 
SOUND DESIGN: Gérard Chiron, Ulrich Lask   DISTRIBUZIONE: ARTE France
MONTAGGIO: Philippe La Bruyère    

Schermo dell'Arte - Archivio Film Presentato allo Schermo dell'Arte 2010

Invitato a rappresentare la Francia alla Biennale di Venezia 2011, Christian Boltanski (Parigi, 1944) ha saputo trasformare la sua stessa vita in un’opera d’arte, cedendo a un milionario della Tasmania i diritti a riprendere e osservare da una località segreta ogni momento della sue giornate, per un periodo di otto anni a partire dal gennaio 2010.
Realizzato tra Parigi, Berlino e il Giappone, il film è un ritratto del celebre e pluripremiato artista, autore della installazione Personnes, ospitata al Grand Palais di Parigi nell’ambito della rassegna Monumenta 2010 e successivamente riadattata negli spazi dell’Armory di New York e dell’Hangar Bicocca di Milano. Attraverso visite alle sue opere e ai suoi archivi privati, visioni di materiali inediti e di estratti dai film A la Recherche de Christian B. di Alain Fleischer e The Finiteness of Freedom dello stesso Schwerfel, Boltanski parla del suo lavoro e introduce al suo ambizioso progetto Les Archives du Coeur: una raccolta di migliaia di registrazioni di battiti cardiaci iniziata nel 2008 e custodita nell’isola giapponese di Teshima.

Heinz Peter Schwerfel
Scrittore, giornalista, regista, è nato a Colonia nel 1954. Ha fondato la KunstFilm Biennale, Festival internazionale di film sull’arte e sul cinema. Vive a Parigi e a Colonia.

www.artcorefilm.de

[chiudi scheda]