Blue
di Apichatpong Weerasethakul, Francia, Thailandia 2018, 12'
SCENEGGIATURA:Jenjira Pongpas Widner   SUONO: Akritchalerm Kalayanamitr
FOTOGRAFIA:Chatchai Suban   PRODUTTORE: Kasame Tidnaur, Philippe Martin, Dimitri Krassoulia
MONTAGGIO:Apichatpong Weerasethakul    

Presentato allo Schermo dell'arte Film Festival 2018
 Una donna giace sveglia in mezzo alla notte. Mentre si gira nel suo letto una fiamma le passa attraverso, senza bruciarla. Fuori dalla sua abitazione è allestito un set con fondali per teatro rappresentanti due diversi paesaggi che si alternano l’uno con l’altro. La fiamma si propaga e i pannelli continuano a cambiare, mentre il colore blu, associato ad un sogno pacifico, appare sporadicamente ricordandoci che siamo nel mezzo della notte, in quello stato intermedio  tra il sogno e la realtà.  
In questo cortometraggiogirato nell’arco di 12 notti nel cuore della foresta tailandese, l’artista e regista condensa i temi alla base del suo cinema e delle sue installazioni simulando uno scenario in cui i paesaggi dipinti rappresentano la possibilità di cambiare volontariamente ciò che vediamo quando ci troviamo tra il sonno e la veglia, e di restare volontariamente in quel limbo. 
Blue è stato realizzato nell’ambito del progetto dell’Opéra de Paris.

 

Apichatpong Weerasethakul 

Apichatpong è cresciuto a Khon Kaen, nel nord est della Tailandia. Vive e lavora a Chiang Mai. 

Ha cominciato a realizzare film e cortometraggi nel 1994. Conosciuto internazionalmente per i suoi progetti installativi e i suoi film, ha vinto numerosi premi, tra i quali la Palma d’oro al Festival di Cannes nel 2010 con Lo zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti (tr: UncleBoonmeeWho  Can  Recall  His  PastLives). Nel 2005 è stato insignito con uno dei riconoscimenti più prestigiosi della Tailandia, il Silpatorn Award, e nel 2008 il Ministro della cultura francesegli ha conferito la medaglia di Chevalier  de  l'ordredesarts  et  deslettres.
Ha partecipato al Festival di Venezia 
con Syndromes and a CenturyApichatpong è inoltre uno dei venti artisti e registi scelti dall’Alta Commissione delle Nazioni Unite per i Diritti Umani per realizzare un cortometraggio in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. 


Filmografia selezionata 

2015 Cemetery of Splendour  2010 Uncle Boonmee Who Can Recall His Past Lives  2006 Syndromes and a Century2004Tropical Malady 

 

 

  

[chiudi scheda]