Christo Walking on Water
di Andrey Paounov, USA, Italia 2018, 100'
SCENEGGIATURA:   FORMATO ORIGINALE:
FOTOGRAFIA:   PRODUTTORE:
MONTAGGIO:   LINGUA:

Schermo dell'Arte - Archivio Film  Il 18 giugno 2016 si inaugurava The Floating Piers, il progetto di Christo per la sponda bresciana del Lago d’Iseo. 100mila metri quadrati di tessuto giallo ricoprivano un pontile calpestabile composto da 220mila cubi di polietilene ad alta densità galleggianti sulla superficie dell’acqua per una lunghezza di 3 chilometri, mentre il percorso proseguiva per  1,5 chilometri lungo le strade di Sulzano e Monte Isola.
 Preceduto da grandi aspettative, il risultato è stato stupefacente e oltre un milione e mezzo di persone hanno potuto camminare sull’acqua nei 15 giorni della durata dell’installazione. Tra difficoltà burocratiche e logistiche, il film di Andrev Paounov segue l’artista durante la preparazione e la realizzazione del progetto, nato dall’evoluzione di uno precedentemente pensato, nel 1969, per il Rio de La Plata in Argentina. 
Christo termina The Floating Piers sette anni dopo la morte della moglie e collaboratrice Jean Claude con la quale dall’anno del loro incontro a Parigi nel 1958, ha firmato tutti i progetti di arte ambientale che li hanno resi celebri nel mondo, dai primi fra cui quelli italiani Wrapped Fountain and Wrapped Medieval Tower a Spoleto (1968) e The Wall a Roma nel 1974, ai celeberrimi The Surrounded Islands nella Baia di Biscayne a Miami (1983), Umbrellas (USA e Giappone 1991), Wrapped Reichstag a Berlino (1995), The Gates al Central Park di New York (2005). Il film si conclude con l’immagine di Christo in un sopralluogo ad Abu Dhabi, dove nel deserto sorgerà The Mastaba, suo futuro straordinario progetto di costruire la più grande scultura effimera del mondo.
 

[chiudi scheda]