Points on a Line
di Sarah Morris, 2010, 35'
FOTOGRAFIA: David Daniel, Lukasz Pruchnik   STILL PHOTOGRAPHY: Sean Dack
MUSICA: Liam Gillick   UNA COMMISSIONE DI: Philip Johnson Glass House - a site of the National Trust per Historic Preservation
MONTAGGIO: Ryan Murphy  
PRODUTTORE: Mirelle Phillips   COURTESY: l’artista e Capitain Petzel, Berlino
FIRST ASSISTANT CAMERA:
Lukasz Pruchnik, Jigme Tenzing
  © Parallax 2010

Schermo dell'Arte - Archivio Film Presentato allo Schermo dell'Arte 2011
in collaborazione con il Museo Marino Marini
, Firenze

In Points on a Line l’artista ritrae due edifici simbolo dell’architettura contemporanea: la Farnsworth House di Ludwig Mies van der Rohe nell’Illinois, progettata per il medico Edith Farnsworth e la Glass House di Philip Johnson nel Connecticut, abitazione dell’architetto fino al 2005 e sede di un’importante collezione d’arte e design. Le riprese dei due siti, girate di giorno e di notte, si soffermano sulla bellezza dei paesaggi circostanti, sulle algide geometrie degli ambienti, sulle linee e sui colori degli arredi e degli oggetti, che l’artista ha osservato seguendo i gesti e i ritmi di una routine domestica divenuta nel tempo ordinaria manutenzione. La colonna sonora di Liam Gillick scandisce il dialogo ideale creato dalla Morris con le due architetture, accompagnando la visione delle immagini di numerosi altri luoghi legati al vissuto personale e professionale dei due autori, che l’autrice ha visitato nel corso dei mesi di lavorazione del film.

Sarah Morris
Nata a Londra nel 1967, vincitrice nel 1999-2000 dell’American Academy - Philip Morris Award, Berlin Prize Fellow e nel 2001-2002 del Joan Mitchell Painting Award, ha esposto in numerosi musei di tutto il mondo tra cui: Fondation Beyeler, Riehen/Basel; Museum Boijmans van Beuningen, Rotterdam; Moderna Museet, Stockholm; Palais de Tokyo, Paris; Kestner Gesellschaft, Hannover; Kunstforeningen, Copenhagen; Miami MOCA; Hirshhorn Museum, Washington D.C.; Nationalgalerie im Hamburger Bahnhof, Berlin. Nel 2009, il Museo d’Arte Moderna di Bologna ha ospitato la sua prima personale italiana. Vive e lavora tra New York e Londra.

www.capitainpetzel.de

[chiudi scheda]