Monarchs & Men
di Jan Peter Hammer, 2012, 25'
SCENEGGIATURA: basata su Monarchs & Men di Maximilian Harden   FOTOGRAFIA: David Daniel, Lukasz Pruchnik
  SOUND DESIGN: Christan Schossig
ADATTAMENTO: Ana Teixeira Pinto e Jan Peter Hammer   COPRODOTTO DA: Nomas Foundation, Roma
CON: John Quincy Long, Sarita Choudhury, Felix Ensslin, Cristian Serritiello, Daniel Hendrickson    

Schermo dell'Arte - Archivio Film Presentato allo Schermo dell’arte 2012

Seguiamo il personaggio di Arthur Ashenking, già protagonista del film The Anarchist Banker (2010), nell’adattamento del dialogo immaginario tra il Conte Leon Tolstoj e John Davison Rockefeller, pubblicato nel 1913 dallo scrittore tedesco Maximilian Harden. Hammer rivisita in chiave attuale le contrapposte visioni incarnate nel testo originario dallo scrittore russo e dal magnate americano, trasponendole in una stratificata conversazione a più voci che ha luogo all’inaugurazione di una mostra d’arte contemporanea.
Mentre i discorsi dei personaggi che rappresentano il moderno Rockefeller e il moderno Tolstoj sono costruiti riunendo rispettivamente una molteplicità di vedute di sostenitori del libero mercato e della sinistra intellettuale, gli altri si ispirano a idee e statements di artiste e critiche d’arte, come Martha Rosler, Tracey Emin e Jennifer Allen.

Jan Peter Hammer
Nato a Kirchheim-Teck, Germania. Nel 2003 si laurea in belle arti all’Hunter College, New York. Nel 2004 torna a Berlino, dove vive e lavora. Ha esibito i suoi progetti in USA e in Europa. I suoi film sono stati proiettati a ‘Cultures of Economics’ Bundeskulturstiftung in collaborazione con l’Università di Monaco di Baviera, al 25FPS International Festival of Experimental Film and Video di Zagabria, Lo schermo dell’arte Film Festival Firenze, DOK Leipzig International Leipzig Festival for Documentary and Animated Film, International Film Festival Rotterdam e DOC - Aviv Film Festival, Tel Aviv.

www.jphammer.de


[chiudi scheda]