VISIO. Resisting the Trouble – Moving Images in Times of Crisis


Resisting the Trouble – Moving Images in Times of Crisis
a cura di Leonardo Bigazzi
una produzione Lo schermo dell’arte e NAM – Not A Museum

“Qualsiasi costruzione di nuove alternative o mondi potenziali può iniziare solo dalla sua immaginazione creativa”  T.J. Demos

Gli equilibri ecologici del nostro pianeta sono sempre più fragili e compromessi. L’emergenza sanitaria, dovuta al COVID-19, non è altro che la conseguenza più evidente di una crisi globale che si è sviluppata su un piano ambientale, sociale, politico ed economico. La pandemia ci ha reso più consapevoli della fragilità della nostra esistenza biologica, minando il senso stesso di comunità, e amplificando la paura di tutto ciò che è altro da noi. Mai come nell’ultimo anno i dispositivi digitali sono risultati indispensabili per rimanere connessi, ma allo stesso tempo sono diventati il veicolo principale di un flusso di immagini e informazioni incontrollabili, che ha alterato profondamente la nostra percezione della realtà. La quotidianità delle nostre vite è stata sconvolta, e le libertà e i privilegi che davamo per scontati sono stati progressivamente persi o limitati. Questa condizione ha accentuato e reso più evidenti le disuguaglianze economiche e sociali, rendendole sempre più intollerabili, e la rabbia si è tradotta in rivolte e proteste diffuse. La necessità di ripensare il modello capitalista, e il nostro rapporto con l’ambiente e le altre specie che abitano il pianeta, appare ormai come l’unica possibilità per evitare il rischio di un’incombente catastrofe ecologica.

La mostra presenta dodici film, video e installazioni che riflettono su alcune delle questioni più urgenti generate dall’attuale crisi mondiale, proponendo visioni alternative per ripensare il presente e immaginare il futuro. Durante il lockdown le immagini in movimento, più di ogni altro medium artistico, hanno dimostrato di avere la capacità intrinseca di superare i limiti dello spazio espositivo, sfruttando la mediazione delle tecnologie a nostra disposizione. In questo contesto di incertezza e precarietà, può l’arte rappresentare uno strumento di resistenza all’alienazione e all’isolamento a cui siamo sottoposti? Come si può evitare un futuro distopico in cui le relazioni fisiche rischiano di essere interamente delegate alla dimensione digitale? In che modo possiamo recuperare una funzione attiva nel processo di cambiamento e incentrarlo sul valore della diversità, del rispetto e della solidarietà? La mostra s’interroga sulla possibilità di immaginare modelli inclusivi di coesistenza in grado di scardinare le strutture di potere esistenti, e di superare canoni e stereotipi consolidati legati alla competizione e alla prevaricazione tra esseri viventi.

Resisting the Trouble – Moving Images in Times of Crisis riunisce le opere dei dodici artisti under 35 partecipanti alla IX edizione di VISIO. European Programme on Artists’ Moving Images – progetto promosso e realizzato dallo Schermo dell’arte. Selezionati attraverso un bando internazionale, ad oggi sono oltre 100 gli artisti di base in Europa che hanno partecipato al programma. Resisting the Trouble – Moving Images in Times of Crisis prosegue il percorso di ricerca dello Schermo dell’arte sulla pratica artistica degli artisti under 35, iniziato con le cinque mostre precedenti organizzate a Palazzo Strozzi (2019 e 2015), Le Murate PAC (2018), Palazzo Medici Riccardi (2017), Cinema La Compagnia (2016).

55
di Valentina Furian, 2019, 1’53’’. Video installazione a due canali. Courtesy l’artista

Standing Still
di Jonas Brinker, 2019, 4’ 28’’. Opera prodotta da Frankfurter Kunstverein. Courtesy l’artista

In Landscape Mode
di Marcin Liminowicz, 2018, 7’17’’. Video installazione a due canali. Courtesy l’artista

La Memoria de las Frutas
di Claudia Claremi, 2016. Installazione: video 16mm 4’23’’, lavagne luminose, testi. Courtesy l’artista

Do we need this?
di Edson Luli, 2017. Installazione: proiettore, decoder TV digitale / mini PC. Courtesy l’artista e Prometeo Gallery Ida Pisani, Milano – Lucca

Gestures of Collapse
di Helen Anna Flanagan, 2019, 11’7’’. Courtesy l’artista

Sonzai Zone
di Emilia Tapprest (NVISIBLE.STUDIO), 2019, 22’56’’. Courtesy l’artista

Make me Safe
di Peter Spanjer, 2020, 7’. Courtesy l’artista

The Politics of Choice and the Possibility of Leaving
di Megan-Leigh Heilig, 2019, 15’. Courtesy l’artista

The Hole’s Journey
di Ghita Skali, 2020, 16’13”. Courtesy l’artista

Soft resistance
di Tora Wallander, 2018, sequenza in loop. Video installazione. Courtesy l’artista

To Hand. A Projection For The Palm
di Olena Newkryta, 2017, 7’47’’. Courtesy l’artista


Resisting the Trouble – Moving Images in Times of Crisis
a cura di Leonardo Bigazzi
una produzione Lo schermo dell’arte e NAM – Not A Museum

4 maggio – 4 giugno 2021
Manifattura Tabacchi, via delle Cascine 33 – Firenze

Orari apertura mostra
martedì-venerdì 18:00-21:00
sabato, domenica e festivi 14:00-21:00

Ultimo ingresso 45’ prima della chiusura

Ingresso gratuito
L’accesso è contingentato in osservanza delle misure adottate dal governo italiano in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.