Il progetto

Lo schermo dell’arte Film Festival promuove la sesta edizione di VISIO – European Programme on Artists’ Moving Images.

VISIO  è strutturato in una mostra e una serie di seminari e incontri dedicati ad approfondire la visione e le tematiche degli artisti che utilizzano le immagini in movimento nella loro pratica artistica. Promuovendo il confronto e la mobilità internazionale di giovani creativi, VISIO ha favorito in questi anni lo sviluppo di un network europeo tra istituzioni, artisti e professionisti che lavorano con le moving images.

Il progetto, a cura di Leonardo Bigazzi, si tiene a Firenze nell’ambito della X edizione dello Schermo dell’arte Film Festival, dal 14 al 19 novembre 2017, ed è rivolto a 12 giovani artisti italiani ed europei che lavorano con le immagini in movimento. I partecipanti saranno selezionati attraverso una open call e in collaborazione con alcune delle più importanti accademie, scuole d’arte e residenze per artisti europee. Le candidature dovranno essere inviate entro giovedì 28 settembre 2017.

In occasione del suo decimo anniversario, Lo schermo dell’arte Film Festival organizzerà un nuovo progetto espositivo per celebrare il suo impegno rivolto alla promozione, produzione e all’esposizione delle opere di una nuova generazione di artisti visivi. 

La mostra intitolata Directing the Real: Artists’ Films and Video in the 2010s (15 novembre – 10 dicembre 2017) presenterà 12 opere video, una per ciascun artista partecipante, insieme a una selezione di lavori prodotti dagli artisti che hanno preso parte alle passate edizioni di VISIO e che sono stati nominati per il Premio Lo schermo dell’arte Film Festival. 

Confermato il VISIO Young Talent Acquisition Prize (III edizione). Il premio consiste nell’acquisizione di un’opera di uno degli artisti partecipanti da parte della Seven Gravity Collection, collezione privata italiana interamente dedicata alle opere video di artisti contemporanei. Con questo premio Lo schermo dell’arte Film Festival, grazie alla partnership con Seven Gravity Collection, intende sostenere giovani artisti che utilizzano le immagini in movimento nella loro pratica artistica promuovendo il collezionismo di video installazioni, film e video d’artista.

VISIO sta creando un importante archivio di una nuova generazione di artisti europei che lavorano con le immagini in movimento e nelle cinque precedenti edizioni del programma oltre 400 artisti hanno partecipato al processo di selezione. Pur mantenendo la sua identità originale di progetto di formazione e di rete, VISIO ha generato in questi anni una piattaforma espositiva e di ricerca molto più ampia, sviluppando nuove opportunità e collaborazioni a livello internazionale.
Le riflessioni e le ricerche portate avanti nel corso dei sei anni del programma saranno raccolte in una pubblicazione, edita da Mousse Publishing, che includerà contributi di curatori, artisti e critici internazionali e una sezione dedicata a tutti gli artisti che hanno partecipato al programma.

Struttura

VISIO – European Programme on Artists’ Moving Images è strutturato in sei sezioni principali:

1. Directing the Real: Artists’ Films and Video in the 2010s
La mostra sarà allestita negli spazi di Palazzo Medici Riccardi e in altri luoghi di Firenze (14 novembre – 10 dicembre 2017) e presenterà 12 opere video, una per ciascun artista partecipante, insieme a una selezione di lavori prodotti dagli artisti che hanno preso parte alle passate edizioni di VISIO e che sono stati nominati per il Premio Lo schermo dell’arte Film Festival.
La mostra, a cura di Leonardo Bigazzi, intende restituire una panoramica sulla pratica dei giovani artisti internazionali che lavorano con le immagini in movimento. Le opere selezionate rappresenteranno la varietà di mezzi e formati utilizzati nella pratica video contemporanea: dall’analogico al digitale, dai video e film monocanali su monitor o proiettati su schermi fino alle video installazioni.

2. Festival
I partecipanti sono invitati a seguire tutte le proiezioni, gli incontri e le lectures del programma ufficiale del Festival intervenendo attivamente nelle discussioni. Le tematiche affrontate saranno poi approfondite e sviluppate durante i seminari e le conversazioni con i curatori e gli artisti ospiti del Festival. In questa edizione saranno proiettati i lavori di vari artisti internazionali tra cui: Hassan Khan, Roee Rosen, Yael Bartana e Ben Rivers.

3. VISIO. Young Talent Acquisition Prize
Il premio consiste nell’acquisizione di un’opera di uno degli artisti partecipanti da parte della Seven Gravity Collection, collezione privata italiana interamente dedicate alle opere video di artisti contemporanei. Il premio sarà assegnato dai soci fondatori della Seven Gravity Collection e l’artista vincitore sarà annunciato durante Lo schermo dell’arte Film Festival.

4. Artists Presentation
Gli artisti partecipanti introdurranno il proprio lavoro con una presentazione di 15 minuti al Cinema La Compagnia a Firenze. Questa giornata sarà l’occasione per illustrare agli altri partecipanti, e ad un pubblico selezionato, le tematiche e le linee fondamentali della propria pratica artistica.

5. Seminari
Sarà organizzato un ciclo di seminari tenuti da artisti e curatori ospiti del Festival che discuteranno con i partecipanti alcuni aspetti della loro pratica artistica e della loro metodologia di ricerca. I seminari, della durata di due ore, saranno strutturati in modo da prevedere anche momenti di dialogo e condivisione della propria esperienza tra i professionisti e i partecipanti. Nelle edizioni precedenti i seminari sono stati tenuti da Isaac Julien, Marine Hugonnier, Philippe-Alain Michaud, Filipa Ramos, Deimantas Narkevicius, Mark Nash, Maria Lind, Alain Fleischer, Heinz Peter Schwerfel, Sibylle Kurz e Sarah Perks.

6. Conversation room
In questo spazio i partecipanti potranno confrontarsi, durante tavole rotonde e incontri individuali di 45 minuti, con artisti, curatori, critici, produttori e direttori di istituzioni internazionali ospiti del Festival. Dalla presentazione del proprio portfolio a una semplice conversazione, questi momenti sono pensati come un’occasione di confronto e di scambio per favorire la crescita professionale dei partecipanti ed estendere il loro network di contatti internazionali.

  I partecipanti a questa edizione  

LA MOSTRA

Directing the Real.
Artists’ Films and Video in the 2010s

La mostra, allestita negli spazi della Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi, riunisce le opere di diciannove artisti internazionali che lavorano con le moving images. Questa generazione di artisti, tutti nati dopo il 1980, si è formata in un momento storico in cui il confronto con il “Reale” e la sua rappresentazione diventa spesso necessario e inevitabile. La nostra esperienza del mondo che ci circonda tuttavia è sempre più mediata e alterata da schermi e tecnologie elettroniche a tal punto che la distinzione tra reale e virtuale può essere confusa.

VISIO.  European Programme on Artists’ Moving Images  VI edizione

a cura di Leonardo Bigazzi

promosso e organizzato dallo
Schermo dell’arte Film Festival

in collaborazione con Fondazione Sistema Toscana – La Compagnia

con il contributo di  
Regione Toscana nell’ambito di “Toscanaincontemporanea2017” e Giovani Sì

realizzato nell’ambito del
Progetto Sensi Contemporanei per il Cinema

con il sostegno di

  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze
  • Nuovi Mecenati, Nouveaux mécènes – Fondazione franco-italiana di sostegno alla creazione contemporanea
  • Institut français Firenze
  • Fondazione Palazzo Strozzi
  • In Between Art Film
  • otto d’Ame
  • Famiglia Cecchi
  • Seven Gravity Collection
  • B&C Speakers

la selezione dei partecipanti è realizzata in partnership con

  • Accademia di Belle Arti di Brera, Milano
  • Accademia di Belle Arti di Firenze
  • Kingston University (Londra)
  • De Ateliers (Amsterdam)
  • HIAP – Helsinki International Artist Programme
  • Pavillon Neuflize OBC research lab del Palais de Tokyo (Parigi)
  • Rijksakademie van beeldende kunsten (Amsterdam)
  • Royal College of Art (Londra)
  • Universität der Künste Berlin
  • Vilnius Academy of Arts
  • Viafarini (Milano)
  • WIELS, Contemporary Art Centre (Bruxelles)